DHARMA FORMAZIONE

DHARMA FORMAZIONE
LOGO DHARMA SOC. COOP. BOLZANO
Insieme, per comprendere e rispettare le Leggi Naturali
Title
Vai ai contenuti
MEDITAZIONE E VISUALIZZAZIONE
La  meditazione è uno stato di profonda pace che si raggiunge quando la  mente si calma (tace), pur rimanendo però completamente vigile.

E' un traguardo a cui molti aspirano, utile a tutti, ma che richiede di non generalizzare mai, prima di tutto,
- sul metodo: siamo tutti diversi, e quindi il percorso per arrivare alla meditazione, richiede necessariamente vie diverse. Gli  occidentali vogliono imitare gli orientali, ignorando la propria  struttura energetica, i temperamenti, le esigenze sociali e le influenze  religiose, che determinano diversità importanti, che invece vanno  rispettate;
- sui tempi:  lunghi tempi di "meditazione", per gli occidentali, sono una tortura  che crea ansia da prestazione. Scoraggiati, molti abbandonano la  pratica. Altri si sentono in colpa, per "mancanza di tempo". Se tutti  imparassero a dedicare 10 minuti al giorno, invece che un'ora alla  settimana, avverrebbero miracoli...

In  questi anni abbiamo più volte organizzato piccoli corsi (i più recenti  sono "L'Arcobaleno dentro di noi", "Balance", "Luci nel buio"), per  incoraggiare all'ascolto interiore, per imparare a zittire la mente  razionale, prima che aspettarsi di sentire la voce dell'Anima, e lo  abbiamo fatto con lo scopo di indicare delle opportunità di vie, tra cui  scegliere la propria, e non per insegnare il "solito metodo".
Consigliamo di avvicinarsi alla visualizzazione, e ala meditazione, a tutti.
In  particolare a chi ha intrapreso lo studio di in una tecnica  vibrazionale, perchè entrare in contatto con l'energia richiede di  lavorare con i propri limiti, per comprendere quelli degli altri.


Qui di seguito condividiamo le cosiddette "FAQ" (le domande più ripetute) a riguardo della meditazione.

- Che cos'è la mente? -
E'  il risultato del movimento del pensiero nel tempo. Essa diventa ciò che  pensa e può creare qualsiasi cosa, qualunque illusione. Ma la mente non  siamo noi.

- Che cos'è la meditazione? -
La  meditazione è un esercizio di attenzione vigile e rilassata che  comporta osservazione. Grazie alla padronanza della mente, "di ciò che  pensa", oltre ad essere consapevoli di quanto stiamo facendo "in quel  momento", siamo in grado di osservare i pensieri con totale distacco da  essi (non c'è coinvolgimento).

- Che cos'è la visualizzazione? -
La  visualizzazione è un modo per educare la mente a seguire i nostri  comandi (e non noi i suoi), utilizzando immagini che influenzano anche  emozioni e percezioni.

- Per arrivare alla meditazione occorre passare per la visualizzazione? -
E' preferibile, in quanto l'educazione della mente richiede un metodo, e la visualizzazione è un ottimo metodo.

- Che cos'è la consapevolezza? -
Siginfica  essere coscienti nel momento presente, cioè rendersene conto: quando  sorridi diventi il sorriso; quando corri non c'è più distinzione tra il  correre e te stesso, se ami sei l'amore.
Consapevolezza,  dunque, significa essere presenti a se stessi e, contemporaneamente,  alle proprie azioni nel momento stesso in cui si compiono, senza  proiezioni, aspettative, discriminazioni.

- Che cos'è lo stato meditativo? -
Esso  è la condizione di pura consapevolezza che si rivela al di là del  consueto flusso di pensieri. Nella visiualizzazione non c'è uno stato  meditativo, al contrario le onde cerebrali indicano la concentrazione.

- Quali sono gli scopi della meditazione? Perché meditare? -
Riuscire  a non identificarsi nei propri pensieri, nelle azioni, nelle paure, e  di conseguenza poter accedere all'osservazione impersonale.
Infatti, grazie all'esercizio meditativo, si hanno questi benefici:
a) rallentare il flusso dei pensieri;
b) superare l'identificazione con la mente nel senso di non subire più, in modo passivo qualsiasi pensiero;
c)  apprendere una modalità di analisi e sintesi degli eventi, dei propri  processi emotivi, acquisendo una conoscenza intuitiva, anziché  rispondere ad un impulso istintivo.
d) diminuire lo stato di stress psicofisico;
e) imparare a cogliere i segnali del corpo:
f) stabilire relazioni migliori, avendo rilasciato atteggiamenti inutili

- Come si medita? -
Con rilassata attenzione, respiro metodico, posizione comoda ma contenuta.

- Perché lo "stato meditativo" non è la condizione normale di ogni essere umano? -
Lo  stato meditativo è una condizione naturale. Ma siamo abituati ad essere  passivi nei confronti della mente che, invece di essere creativa e  dinamica in senso evolutivo, ci limita attraverso la ricostruzione  costante di limiti e timori.

- Esistono diverse tecniche di meditazione?
Si, certo. Molte scuole di yoga hanno proposto la loro, e poi ne esistono ancora altre.
Tutte valide, ma ogniuno in realtà deve ispirarsi e poi trovare la sua tecnica.

- Contemplazione è meditare? -
No.La contemplazione è  l'insistenza prolungata dello sguardo o del pensiero su una fonte di meraviglia o di ammirazione.
La meditazione invece non ha insistenza su qualcosa in particolare, bensì c'è apertura della mente al Tutto.

- Attraverso la meditazione posso risolvere l'ansia, trovare un equilibrio?
Premesso  che non è una terapia, la meditazione, e prima di questa la  visualizzazione, sono ottime per insegnare alla mente a staccarsi dai  soliti pensieri, e a vedere le cose anche da altre angolazioni. Ciò  educa a gestire le situazioni, tenere le redini degli spunti più  ossessivi, a spostarsi su pensieri meno invadenti.

- Qual é il luogo più idoneo per meditare? -
Quello in cui ci si sente a proprio agio, e non si è disturbati da niente e nessuno (orologio, telefono, familiari, ecc)
Sarebbe  meglio a contatto con la Natura (un giardino, un luogo in montagna, al  mare), ma non sotto il sole diretto, non subito dopo un pasto.

- Trovo molto scomoda la posizione a gambe incrociate -
In  effetti non è nemmeno la posizione migliore, per gli occidentali, che  si ostinano però a cimentarsi in essa. La più adatta è da seduti su una  sedia con schienale, schiena dritta. piante dei piedi a terra, mani  sulle cosce.
Ci si può  sdraiare, ma in tal caso potrebbe essere necessario correggere la  posizione del bacino, mettendo un cuscino sotto le ginocchia, per non  stancare la schiena e distrarsi.

- La meditazione è legata una religione? -
E'una pratica comune a tutte le religioni,ma non è proprietà delle stesse.  
Si medita per necessità personale intima, e questo esula dal culto, dalla fede.

- Che cos'è la via spirituale? -
E' un cammino di ricerca e incontro con l'Anima, poi con lo Spirito, emanazioni del "Divino", comunque lo si voglia chiamare.
Esistono  tanti cammini, che utlizzano metodi, descrizioni, vocaboli diversi,  dati da uomini agli uomini, ma  il traguardo è comune.
Ci occupiamo di FORMAZIONE PROFESSIONALE e AMATORIALE in ambito Bio Naturale, legge  4/2013
clicca per inviare una
DHARMA soc.  coop.
Via Napoli 2a - 39100 Bolzano
Per appuntamento telefonare al 339.2453801
oppure al 347.4215722


Torna ai contenuti